“Carmina Burana. O Fortuna”. La musica immortale di Carl Orff

Share

Tra le conoscenze storico-musicali del mondo, un contributo di immensa genialità viene riconosciuto a Carl Orff, compositore tedesco di grande fama, conosciuto per aver dato vita all’opera immortale “Carmina Burana” tra il 1935 e il 1936.

A distanza di quasi sette secoli, l’opera è basata su alcune parti di un omonimo manoscritto duecentesco. Conosciuto col nome di Codex Latinus Monacensis 4660 o Codex Buranus, comprende ben 228 componimenti poetici di temi vari, cui ricostruzione melodica è stata possibile solo per 47 di essi.

Cosa rende speciale ‘Carmina Burana’, tramandata nel tempo e arrivata fino ad oggi

Come la maggior parte degli scritti medievali, non ne conosciamo i fautori, ma sappiamo che i testi sono stati composti da diversi goliardi o clerici vagantes, studiosi nomadi che giravano l’Europa in cerca di studi da poter approfondire. Da questo si può dedurre che le opere siano state scritte secondo il carattere e i gusti di più di una persona. Ecco perché i temi sono così diversi e variano da argomenti amorosi a satirici, da moralistici sacrali a canti bacchici e conviviali. I testi sono stati scritti secondo un profondo amore per la conoscenza, e non si curano di rispettare adeguati canoni morali. Risaltano infatti parodie blasfeme e il rifiuto categorico per qualsiasi forma di ricchezza, tra cui anche lo stile di vita degli uomini di Chiesa e della curia romana.

E qui si ritorna ai versi iniziali di “O Fortuna”, prologo, chiusura e forse il brano più celebre dell’intera composizione.

«O Sorte,
come Luna
sei sempre variabile!
Sempre cresci
o decresci

O Fortuna,    
velut Luna
statu variabilis!
Semper crescis
aut decrescis»

La ruota della Fortuna in ‘O Fortuna’

Il tema coincide con la volontà imprevedibile della Dea Fortuna, la cui ruota non è mai statica, favorisce e nega allo stesso tempo e non è mai un bene rimanere a crogiolarsi nelle virtù terrene e materiali che sembra regalare. Questo concetto, che può risultare anche abbastanza estemporaneo, rappresenta uno sguardo critico che trova perfetta consonanza nell’attuale società. Simbolo forse dei continui corsi e ricorsi storici vichiani? O di un problema seppellito tra la polvere del tempo, che ha continuato a nutrirsi dell’ingenuità e dell’avarizia sociale, mai sradicato dalla collettività del genere umano?

Oltre al prologo, la struttura della composizione è divisa in tre parti formate da diversi brani. Nella prima parte si celebra la primavera, ossia il “Veris laeta facies”; nella seconda “In taberna” si hanno per lo più canti goliardici; e nell’ultima, “Cour d’amours”, si celebra l’amore puro e sono presenti cori di grazie alla fanciulla.

Il genio di Carl Orff nella composizione di Carmina Burana

La particolare bravura di Carl Orff è stata la composizione completamente autonoma basata sulle poesie contenute nel manoscritto, le quali avevano già un adattamento musicale ma erano scritte in notazione pneumatica libera senza pentagramma, e mancavano dunque di una qualsiasi indicazione che ne specificasse il ritmo e l’armonia.

L’adattamento teatrale dell’artista tedesco richiede un gran numero di strumenti e un’orchestra numerosa, nonché due cori, uno formato interamente da voci bianche e un altro misto, formato da almeno tre solisti: baritono, soprano e tenore. La struttura dell’orchestra è invece formata da svariati strumenti a fiato (flauti, oboi, clarinetti), archi, due pianoforti, ottoni (corni, trombe, tromboni e tuba bassa) e infine necessari strumenti a percussione. Sono infine utilizzati anche strumenti più piccoli e impensati come nacchere, sonagli, campane e tam-tam!

Da tutto ciò ne deriva un intensa vitalità che avvolge e cattura il pubblico, lo attira a sé verso un clima medievale dove tutti, popolo, chiesa, fortunati e meno, vengono ritratti in scene quotidiane della vita dell’epoca. In particolare, i quieti momenti di staticità strumentale e di pianissimo si susseguono quasi immediatamente a momenti di intensità vocale in maniera subitanea e inaspettata, che ci mostra in realtà un gioco di ironia burlesca già organizzato in precedenza.

Il capolavoro di Carl Orff è stato eseguito anche in Italia, per la prima volta nel 1942 alla Scala di Milano, e la sua fortuna non è ancora svanita, verrà tramandato per secoli come opera immortale del repertorio satirico musicale del mondo.

Related Posts
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.