Ferro 3 La casa vuota di Kim Ki-duk. Il bello di parlare in silenzio

Share
Ferro 3 - La casa vuota, film di Kim Ki-duk

Un gesto vale più di mille parole. Sembra un’espressione banale e stantia, eppure questa frase descrive perfettamente il film “Ferro 3 – La casa vuota” di Kim Ki-duk. L’assenza di parola è infatti uno dei protagonisti principali della pellicola e sorprendentemente rappresenta un punto di forza, anziché una debolezza.

Le poche frasi pronunciate provengono da personaggi negativi o che non aggiungono alcun valore sostanziale alla narrazione. Invece i protagonisti rimangono quasi sempre in silenzio. Ne scopriamo i nomi solo nella seconda parte del film e risultano comunque i personaggi meglio caratterizzati e più interessanti. In questo modo emerge in tutta la sua potenza l’abilità registica di Kim Ki-duk, che riporta in modo realistico e sconvolgente la drammaticità della solitudine umana, avvalendosi unicamente delle immagini e della forza espressiva del cast.

Il mistero dietro al titolo ‘Ferro 3 – La casa vuota’ di Kim Ki-duk

Ad un primo sguardo il titolo “Ferro 3 – La casa vuota” risulterà sicuramente criptico e poco incline ad interpretazioni. Solitamente il titolo dà qualche informazione, anche sommaria, sul film che si andrà a vedere o sul suo genere di appartenenza. Sarà un horror? O un film drammatico? Magari un’allegra commedia, perché no?

Difficile indovinarlo con queste poche parole, che sembrano addirittura messe insieme in modo del tutto casuale. In realtà, il mistero è facilmente svelato dopo la visione del film. In Ferro 3 di Kim Ki-duk la casa vuota rappresenta da un lato la condizione di solitudine e infelicità che accomuna tutti i personaggi – anche quelli negativi vivono una vita miserabile allo stesso modo dei protagonisti -, mentre dall’altro descrive lo stile di vita del protagonista maschile della pellicola, che vagabonda da una casa vuota all’altra.

Tae-suk entra illegalmente nelle abitazioni, dove non è stato rimosso il volantino da lui precedentemente lasciato durante il suo turno di lavoro, e ci vive per un giorno come se fosse realmente casa sua. Non ruba nulla, come i più si aspetterebbero, ma fa il bucato, innaffia le piante e aggiusta gli oggetti rotti. Per un giorno intero Tae-suk riempie il vuoto di quelle case prendendosene cura come se fossero sue e nell’atto di riparare orologi, radioline e bilance si intravede un barlume di positività. Se le case vuote rappresentano le persone abbandonate, allora gli oggetti riparati simboleggiano la possibilità per ognuna di loro di “ritornare a funzionare”, qualora qualcuno di buona volontà decida di prendersene cura.

Per quanto riguarda invece la prima parte del titolo, Ferro 3 rappresenta una tipologia di mazza da golf. Sebbene ricorra spesso all’interno della pellicola, in realtà sul campo non viene molto utilizzata e resta abbandonata nella sacca da gioco.

Solitudine e abbandono secondo Kim Ki-duk

Tae-suk è quello che si potrebbe definire un emarginato sociale. Sembra non avere una fissa dimora, una famiglia a sostenerlo o un qualsiasi tipo di legame affettivo e, soprattutto, non ha un lavoro “socialmente accettabile” in Corea. È infatti qui che viene ambientata la pellicola, una realtà in cui esiste una precisa gerarchia sociale, per la quale i soggetti come Tae-suk, un semplice addetto al volantinaggio, vengono impietosamente isolati. La solitudine, però, non conosce barriere. Così come colpisce Tae-suk, confinandolo ai margini della società come un fuoricasta, si abbatte anche su Sun-hwa, che dovrebbe essere privilegiata essendo benestante, giovane e di bell’aspetto.

L’unico personaggio con il quale interagisce, oltre a Tae-suk, è un marito violento e dispotico che cerca di controllare ogni aspetto della sua vita, perfino il suo abbigliamento. È proprio in quest’ottica di isolamento e soprusi che si inserisce l’incontro tra i due protagonisti. Sono entrambi soli, emarginati e con poche speranze nell’avvenire. Come due case vuote, lasciate all’abbandono da dei proprietari incuranti, Tae-suk e Sun-hwa vagano nel mondo alla ricerca di qualcosa che dia un senso alle proprie vite, trovano quello che cercavano l’uno nell’altra, imparando a comunicare i propri sentimenti nel più assoluto silenzio.

Ancora una volta con Ferro 3 di Kim Ki-duk emerge il talento del regista nel rendere evidente il profondo disagio vissuto dai due protagonisti prima del loro incontro e la progressiva evoluzione dei loro sentimenti senza ricorrere alla parola. Insomma, Kim Ki-duk con questo film suggerisce che, a volte, le cose migliori possono essere espresse restando semplicemente in silenzio.

Related Posts
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.