Constantine: simboli, numeri e dualismo con il volto di Keanu Reeves

Constantine Poster

Constantine” è un film di Francis Lawrence con Keanu Reeves che porta sul grande schermo un personaggio dei fumetti DC Comics, John Constantine. Constantine esordisce nel 1985 in un fumetto horror, “Swamp Thing”, e continua ad apparire anche in diversi cameo in altri fumetti della casa editrice statunitense. Nel 1988, diventa protagonista della serie a fumetti “Hellblazer” e nel 2005 Keanu Reeves gli presta il suo volto. Nonostante siano passati diversi anni dalla realizzazione del film, è probabile che il film avrà un seguito. 

Le Reference di John Constantine: fumetti e serie tv

In questi anni però Constantine ha avuto diversi volti e omaggi. Per esempio, nell’omonima serie televisiva è interpretato da Matt Ryan che ripropone un look sullo stile di Sting, proprio come lo immaginavano i creatori. In un’altra serie tv, “Supernatural”, si trova un riferimento a John Constantine nell’abbigliamento dell’angelo Castiel che indossa un trench beige proprio come il personaggio del fumetto. Inoltre, Neil Gaiman ha inserito nella serie “The Sandman” Johanna Constantine che nella serie Netflix è interpretata da Jenna Coleman. Ma andiamo a vedere più da vicino le caratteristiche della pellicola cinematografica e del John Constantine interpretato da Keanu Reeves. 

Sono Constantine… John Constantine, stronzo.

Di cosa parla il film Constantine

Ispirato alle storie “Dangerous Habits” e “Original Sins”, “Constantine” è un film che fonde insieme diversi generi, dall’horror al fantasy, dal giallo all’azione. Pur avendo numerose differenze rispetto al fumetto, è un film con un intreccio interessante che unisce un caso di suicidio ad elementi sovrannaturali. In questo modo si legano due trame che sembrano soltanto affiancarsi parallelamente. In realtà le due vicende sono legate tra loro attraverso i personaggi di Isabel e Angela (Rachel Weisz) e quelli di Gabriele (Tilda Swinton) e Mammon, attraverso ciò che sono e ciò che intendono fare. Simbolismo, occulto, religione, demonologia e paranormale sono alcune delle parole chiave che caratterizzano questa storia. Dal punto di vista più terreno, è evidente che siano presenti altre tematiche. La paura, il vizio, l’amore, la solitudine, il coraggio, la giustizia, fino ad arrivare alla vita e alla morte, al bene e al male, al Paradiso e all’Inferno.

«Io non credo nel diavolo.» – Angela
«Beh, dovrebbe. Il diavolo crede in lei.» – Constantine

Il dualismo Bene Male, Terra Inferno

Tutto questo unisce due luoghi la Terra, nello specifico Los Angeles, e l’Inferno. La città californiana però è cupa e piovosa, Los Angeles diventa un luogo di mezzo tra cielo e sottosuolo, dove esseri di diversa natura vivono mantenendo l’equilibrio o, come lo chiama John Constantine (Keanu Reeves), “ipocrisia di merda“.

Un altro aspetto interessante è il modo in cui viene realizzato l’Inferno. Il regno dell’angelo caduto non è caratterizzato da fuoco e fiamme, bensì da una versione della città completamente in rovina, come se ci fosse stata un’esplosione che ha spazzato via tutto lasciando un’atmosfera pesante, rarefatta e calda tanto da bruciare. Quel posto è popolato da demoni ben diversi dal sanguemisto che hanno sembianze umane. A tal proposito, è bene fare una differenza tra il modo in cui vengono raffigurati Dio e Lucifero. Mentre quest’ultimo assume le fattezze di un uomo, Dio è rappresentato come una luce, attingendo al suo valore simbolico.

Significato di Simboli e Numeri nel film

“Constantine” è ricco di simboli e numeri significativi. Procedendo in ordine di trama, la prima cosa che viene mostrata è la Lancia del Destino. Conosciuta anche come Lancia di Longino, dal nome del centurione che secondo la storia la utilizzò, è la lancia con cui Gesù fu trafitto dopo la crocifissione. Nel film è avvolta da una bandiera nazista per indicare che potrebbe essere uno dei reperti presi da loro.

Ancora, c’è il simbolo satanico che compare sul braccio di Isabel oppure il ciondolo che indossa padre Hennessy (Pruitt Taylor Vince) per proteggersi. Inoltre, lo stesso John Constantine ha un simbolo tatuato sulle sue braccia. Si tratta di un triangolo chiuso in un cerchio e all’interno del quale è presente il fuoco. Sotto al triangolo ci sono tre frecce che vanno verso il basso e in direzioni opposte. Questo simbolo alchemico rappresenta lo zolfo ed è chiamato “il perfetto Re Rosso”. 

Quando ero bambino vedevo cose, cose che gli umani non dovrebbero vedere.

Per quanto riguarda i numeri si può far riferimento a diversi elementi. L’auto di Chas (Shia LaBeouf), per esempio, presenta una sequenza numerica: 3393. Il tre è il numero che rappresenta la trinità, mentre la sequenza di tre è il numero associato agli angeli custodi. Si potrebbe dedurre che non sia un caso, sia perché Chas aiuta Constantine mentre Angela – posseduta da Mammon – lo attacca, ma anche perché la scena dopo i titoli di coda mostra che il giovane è diventato un angelo.

Sulla parete del nascondiglio di Beeman (Max Baker), invece, si trova una sequenza di 6 che indica il diavolo. Insomma, tra intrecci di vicende, temi e simboli, la storia di John Constantine riesce ad essere interessante al punto tale che nel tempo il film è diventato un cult.

Contantine 2: il sequel con Keanu Reeves in arrivo

Non so se si tratta di un lavoro incompiuto, ma sicuramente è stato un ruolo che ho amato […] E ho pensato che Francis Lawrence, il regista, abbia fatto un lavoro straordinario. Mi è piaciuto molto interpretare quel personaggio e il film mi è piaciuto molto. […] Ero tipo, “Posso averne ancora, per favore?” Continuavo a chiederlo quasi ogni anno. Dicevo: “Per favore, posso?” loro dicevano: “No, no!”

È emozionante. È quasi come un parco giochi aperto in cui speriamo di poter cucinare qualcosa e giocare, e credo di poter uscire dal parco giochi e preparare un pasto speciale […] Ma non vedo l’ora e spero che possa accadere. Non si può sapere come vanno queste cose. Ma sicuramente farò del mio meglio per cercare di realizzare questo sogno

Keanu Reeves si racconta a Total Film Magazine per l’emozione di girare Constantine 2

Il sequel Constantine 2, per la gioia di tutti gli appassioanti di cinema e fumetto, conferma i grandi nomi del primo film. Alla direzione tornerà Francis Lawrence, per la sceneggiatura Akiva Goldsman, mentre per la regia si aspettano faville con J.J. Abrams.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulla stella per votare!

Media / 5. Voti:

Nessuna valutazione per il momento. Vota per primo!

Constantine di Keanu Reeves: simboli, numeri e dualismo| il Chaos
John Constantine con Keanu Reeves
Valutazione dell'editor
5

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.