La Casa dei Fantasmi: 2 film tra brivido e risata a 20 anni di distanza

Haunted Mansion Poster

“La casa dei fantasmi” è il titolo di due film, uno del 2003 e l’altro del 2023. Il primo – in inglese “The Haunted Mansion” – è diretto da Rob Minkoff la cui sceneggiatura è firmata da David Berenbaum. La storia vede protagonista la famiglia Evers che, nella speranza di Jim (Eddie Murphy) di fare un affare, si ferma al Maniero Gracey e vive una serie di eventi soprannaturali.

Il secondo, diretto da Justin Simien e scritto da Katie Dippold, racconta di Gabbie (Rosario Dawson) che si trasferisce nel Maniero Gracey con suo figlio. Molto presto – neanche il tempo di entrare in casa – si rendono conto che il luogo è infestato e pian piano mettono su una squadra per esorcizzare la casa.

Cos’è che hanno in comune i film? Entrambi si ispirano all’attrazione Casa dei Fantasmi realizzata nel 1969 a Disneyland, il parco a tema nella periferia di Los Angeles. Entrambi sono legati da connessioni attraverso alcuni personaggi che ritornano e attraverso i padroni di casa: Edward Gracey (Nathaniel Parker) nel film del 2003 e William Gracey (J.R. Adduci) in quello del 2023.

La Casa dei Fantasmi: 2 trame tra horror e commedia

Mi ha chiamato una donna molto gentile, dice che la sua casa è infestata. […] Vuoi essere un eroe?

Kent

“La casa dei fantasmi” è un film vecchio stile che riesce a combinare l’orrore con la commedia, lo spavento con la risata. Ciò che accade nel 2003 e nel 2023 racconta una storia intensa e inquietante, con delle inserzioni di divertimento e dei risvolti che creano dei colpi di scena. Ci sono diversi fattori che accomunano le due pellicole e altrettanti che le differenziano. Tutto gira intorno alla casa e a coloro che vi abitano. Eppure gli inquilini, sia vivi che morti, sono legati dallo stesso timore, una maledizione o un’entità malvagia. Da una parte c’è Ramsley, il maggiordomo inquietante interpretato da Terence Stamp, e dall’altra Alistair Crump, il Fantasma della Cappelliera – The Hatbox Ghost – a cui presta il volto Jared Leto. 

Questo posto ha una storia oscura, all’improvviso iniziarono ad accadere delle cose inquietanti.

Bruce

Un servo e un uomo ricco. Cosa li accomuna?

Sono assassini ed entrambi portano i Gracey alla morte, costringendo gli altri spettri a restare intrappolati sulla terra. Per rompere la maledizione e per sconfiggere il fantasma con il cappello a cilindro, la famiglia Evers prima e il gruppo composto da Gabbie, Travis, Kent (Owen Wilson), Bruce (Danny DeVito), Ben (Lakeith Stanfield) e Harriet (Tiffany Haddish) poi, dovranno fare i conti con una realtà ultraterrena, scoprire cosa è accaduto, sconfiggere le entità maligne e salvare non solo se stessi, ma anche gli spiriti che occupano il Maniero Gracey, liberandoli e lasciandoli andare verso la luce oppure lasciandoli “vivere” in quell’edificio.

Una recensione tra l’amore e la sua morte, solitudine e amicizia

Le trame da brivido dei film intitolati “La casa dei fantasmi” presentano un importante elemento che influenza la storia dal principio alla fine: l’amore. Il film con protagonista la famiglia Evers gira intorno all’amore di Edward Gracey per Elizabeth Henshaw. Mentre la storia di Gabbie e Travis, inserisce lo stesso tema sia attraverso il rapporto fra Travis e suo padre, sia attraverso il personaggio di Ben e sua moglie, facendo sì che si crei un forte legame tra il piccolo e l’astrofisico.

Ma la storia non si costruisce soltanto su questo, bensì soprattutto sulla perdita di questo amore, quindi sulla morte, sul modo di affrontarla e sull’elaborazione del lutto. La componente emotiva si fa strada attraverso le esperienze che i personaggi hanno vissuto prima di conoscersi, nei loro racconti, arricchendo la storia e dandole un nuovo valore. La perdita di una persona amata, in un modo o nell’altro, avvicina i personaggi alla morte.

Lo so che questo posto non è accogliente come speravo, ma ora accenderò una candela alla vaniglia e cambierà completamente.

Gabbie

Il giovane Travis crede di parlare con suo padre, mentre Ben spera di poter rivedere sua moglie Alyssa. Proprio come William Gracey che, insieme a Madame Leota (Jamie Lee Curtis), aveva aperto le porte agli spiriti nella speranza di ritrovare sua moglie. I personaggi sono legati tra loro anche dal senso di solitudine causato dalla perdita e ciò li rende vulnerabili agli occhi di Alistair.

Tuttavia, c’è qualcosa che li rende più forti di lui. La solitudine che sentono è una sensazione provocata dal dolore di una mancanza, ma loro non sono soli. Il rapporto che si instaura all’interno del gruppo crea una vera e propria famiglia, un’amicizia profonda che diventa un mezzo di salvezza. Così, tra la realtà e il fantastico, tra il brivido e la risata, “La casa dei fantasmi” presenta, a distanza di 20 anni l’una dall’altra, due storie che spaventano, divertono e portano alla riflessione, dando importanza al valore della famiglia e dell’amicizia.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulla stella per votare!

Media / 5. Voti:

Nessuna valutazione per il momento. Vota per primo!

La Casa dei Fantasmi: 2 film di brividi e risate dopo 20 anni | il Chaos
La Casa dei Fantasmi 2003 2023
Valutazione dell'editor
4

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.