"L'innamorato" di Jorge Luis Borges - il Chaos

“L’innamorato” di Jorge Luis Borges

L'innamorato di Jorge Luis Borges
L'innamorato di Jorge Luis Borges

Luna, avorio, strumenti musicali, rose, 
lampade e il segno di Durer, 
le nove cifre e lo sfuggente zero, 
devo fingere che queste cose esistano. 

Devo fingere che nel passato c’erano 
Persepoli e Roma e che una sabbia 
sottile ha misurato il destino di una torre 
che le età del ferro hanno disfatto. 

Devo pensare alle armi e alle fiamme 
delle epopee e ai mari plumbei 
che rosicchiano i pilastri della terra. 

Devo fingere che ci sono gli altri. È falso. 
Ci sei solo tu. Tu, mia ventura 
e sventura, inesauribile e pura. 

– “L’innamorato” di Jorge Luis Borges

694884dd92106699c7d399e771575b28?s=96&d=blank&r=g
Un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

©il Chaos, Logo dal 2018 ad oggi

Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli 2022

© 2018 - il Chaos. All rights reserved.

"il Chaos"
Rivista online di arte e cultura

Tutte le immagini che non presentano il logo "il Chaos" sono prese da internet. Qualora foste i legittimi proprietari, basterà una segnalazione tramite email e provvederemo subito a rimuoverle.

To Top