“Mai altra che te” di Robert Desnos

Share
Mai altra che te di Robert Desnos

Mai altra che te a dispetto di stelle e solitudini 
a dispetto di mutilazioni d’albero all’arrivo della notte. 
Mai altra che te proseguirà il mio stesso cammino. 
Più t’allontani più s’allunga la tua ombra. 
Mai altra che te saluterà il mare all’alba quando 
vagabondo esausto io, uscito da foreste tenebrose 
e cespi di ortiche, marcerò verso i flutti. 
Mai altra che te poserà la mano sulla mia fronte 
e sugli occhi. 
Mai altra che te e nego la menzogna e l’infedeltà. 
Tu puoi spezzar la cima di questa nave all’ancora. 
Mai altra che te. 
Prigioniera nella gabbia l’aquila rode lenta 
le sbarre di rame grigioverde. 
Che evasione! 
È la domenica cifrata dal canto degli usignoli, 
nei boschi verde tenero il cruccio delle bambine 
di fronte a una gabbia dove un canarino si agita, 
mentre nella via solitaria lentamente il sole 
l’esile linea sposta sul marciapiede caldo. 
Altre linee passeremo. 
Mai altra che te. 
Ed io sono solo solo solo come l’edera appassita dei giardini 
di periferia, solo come il bicchiere. 
E mai altra che te. 

– “Mai altra che te” di Robert Desnos

Related Posts
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.