“Dopo le feste” di Julio Cortázar

Foto dell'autore

By Miranda

"Dopo le feste" di Julio Cortázar

E quando tutti se ne andavano 
e restavamo in due 
tra bicchieri vuoti e portacenere sporchi, 
com’era bello sapere che eri lì 
come una corrente che ristagna, 
sola con me sull’orlo della notte, 
e che duravi, eri più che il tempo, 
eri quella che non se ne andava 
perché uno stesso cuscino 
e uno stesso tepore 
ci avrebbero chiamati di nuovo 
a svegliare il nuovo giorno, 
insieme, ridendo, spettinati. 

– “Dopo le feste” di Julio Cortázar

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulla stella per votare!

Media / 5. Voti:

Nessuna valutazione per il momento. Vota per primo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.