“Edipo e l’enigma” di Jorge Luis Borges

Foto dell'autore

By Miranda

Quadrupede all’alba, alto nel giorno 
e con tre piedi errante nel vano 
ambito della sera, così vedeva 
l’eterna sfinge il suo incostante fratello, 

l’uomo, e con la sera un uomo venne 
che decifrò atterrito nello specchio 
della mostruosa immagine, il riflesso 
del suo declino e del suo destino. 

Noi siamo Edipo e in un eterno modo 
la lunga e triplice bestia siamo, tutto 
ciò che saremo e ciò che siamo stati. 

Ci annienterebbe scorgere l’ingente 
forma del nostro essere; pietosamente 
Dio ci concede successione e oblio. 

– “Edipo e l’enigma” di Jorge Luis Borges

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulla stella per votare!

Media / 5. Voti:

Nessuna valutazione per il momento. Vota per primo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.