“Giaccio da solo nella casa silenziosa” di Federico García Lorca

Giaccio da solo nella casa silenziosa, di Federico Garcia Lorca

Giaccio da solo nella casa silenziosa, 
la lampada è spenta, 
e stendo pian piano le mie mani 
per afferrare le tue, 
e lentamente spingo la mia fervente bocca 
verso di te e bacio me fino a stancarmi e ferirmi 
– e all’improvviso son sveglio, 
ed intorno a me la fredda notte tace, 
luccica nella finestra una limpida stella – 
o tu, dove sono i tuoi capelli biondi, 
dov’è la tua dolce bocca? 
Ora bevo in ogni piacere la sofferenza 
e veleno in ogni vino; 
mai avrei immaginato che fosse tanto amaro 
essere solo 
essere solo e senza di te! 

– “Giaccio da solo nella casa silenziosa” di Federico García Lorca

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulla stella per votare!

Media / 5. Voti:

Nessuna valutazione per il momento. Vota per primo!

1 commento su ““Giaccio da solo nella casa silenziosa” di Federico García Lorca”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.