“L’innamorato” di Jorge Luis Borges

L'innamorato di Jorge Luis Borges

Luna, avorio, strumenti musicali, rose, 
lampade e il segno di Durer, 
le nove cifre e lo sfuggente zero, 
devo fingere che queste cose esistano. 

Devo fingere che nel passato c’erano 
Persepoli e Roma e che una sabbia 
sottile ha misurato il destino di una torre 
che le età del ferro hanno disfatto. 

Devo pensare alle armi e alle fiamme 
delle epopee e ai mari plumbei 
che rosicchiano i pilastri della terra. 

Devo fingere che ci sono gli altri. È falso. 
Ci sei solo tu. Tu, mia ventura 
e sventura, inesauribile e pura. 

– “L’innamorato” di Jorge Luis Borges

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulla stella per votare!

Media / 5. Voti:

Nessuna valutazione per il momento. Vota per primo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.