"Sonetto 130" di William Shakespeare - il Chaos

“Sonetto 130” di William Shakespeare

"Sonetto 130" di William Shakespeare
Sonetto 130 di William Shakespeare

Gli occhi della mia donna non sono come il sole, 
il corallo è molto più rosso delle sue labbra. 
Se la neve è bianca, allora perché i suoi seni sono grigi? 
Se i capelli devono essere filamenti, 
fili neri crescono sulla sua testa. 
Ho visto rose variegate, rosse e bianche, 
ma non ho visto alcuna rosa sulle sue guance. 
E c’è più delizia in altri profumi 
che nell’alito che il mio amore esala. 
Mi piace sentirla parlare, 
perché so che la sua voce, per me, è come musica. 
Quando la vidi non mi sembrò una dea
la mia donna, quando cammina, non ha grazia. 
E nonostante ciò, il mio amore è cosi raro 
come se lei fosse stata elogiata da falsi paragoni. 

– “Sonetto 130” di William Shakespeare

694884dd92106699c7d399e771575b28?s=96&d=blank&r=g
Un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

©il Chaos, Logo dal 2018 ad oggi

Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli 2022

© 2018 - il Chaos. All rights reserved.

"il Chaos"
Rivista online di arte e cultura

Tutte le immagini che non presentano il logo "il Chaos" sono prese da internet. Qualora foste i legittimi proprietari, basterà una segnalazione tramite email e provvederemo subito a rimuoverle.

To Top